Skoda Enyaq iV: l’elettrica boema arriva in Italia


Immagini, informazioni e prezzi del primo Suv elettrico firmato Skoda

Andrea Brambilla

Una storia iniziata 125 anni fa, che oggi viene celebrata con il primo suv 100% elettrico: si chiama Enyaq iV. Meno di 5 metri di lunghezza per un’auto che si presenta innovativa, pratica ed ecologica non solo per quanto riguarda la propulsione.

LO STILE

—  

Enyaq è una vettura dal design deciso e personale, che mantiene fede allo stile di casa Skoda. Il frontale è dominato dall’imponente calandra che separa i fari full led, che possono essere dotati anche della tecnologia Matrix in via opzionale. La vera novità si chiama però Crystal Face: di serie per le versioni più potenti, 130 led illuminano le alette verticali della griglia mentre una striscia orizzontale illumina la calandra. Pur non essendo di dimensioni compatte vista lateralmente, Enyaq risulta filante e slanciata merito dei grandi cerchi che arrivano fino a 21 pollici e delle linee disegnate dai designer che ne alleggeriscono lo stile. Stile che è anche efficienza aerodinamica, grazie ad un coefficiente cx di 0,27, favorito da pneumatici a bassa resistenza al rotolamento.

LE DIMENSIONI

—  

La nuova creatura della casa boema misura 4.64 m di lunghezza, 1.87 m di larghezza e 1.61 m di altezza, dimensioni che lo rendono un suv adatto anche ad un uso cittadino. Il passo è di 2.76 con gli interni che beneficiano di tanto spazio e praticità. Il vano bagagli può contare su una capacità di carico minima di ben 585 litri, un risultato reso possibile dalla particolare architettura “a skateboard” del pianale. Questa soluzione ha permesso di alloggiare le batterie direttamente nel sottoscocca, così da non penalizzare l’abitabilità interna per bagagli e passeggeri grazie ad un pavimento completamente piatto.

GLI INTERNI

—  

Nuovo stile e nuove soluzioni per l’abitacolo che fa un passo deciso verso il mondo premium. Gli interni sono diversi da quello che eravamo abituati a vedere in casa Skoda per stile e componentistica. Al centro della plancia troneggia un display da 13” per l’infotainment, il più grande mai installato. Lo schermo, oltre ad essere touch, può essere controllato tramite i gesti delle mani (come fanno i mimi, senza toccare nulla), oppure anche tramite l’assistente digitale Laura Skoda, capace di riconoscere ben 15 lingue diverse. Inoltre sarà possibile usufruire di Apple Car Play e Android Auto senza l’uso di scomodi fili, dato che sfruttano la tecnologia wireless, la stessa per la ricarica dei cellulari.

Green in tutto

—  

Si chiamano Design Selection le differenti personalizzazioni per l’abitacolo: ce ne saranno ben dieci, tutte diverse, per soddisfare le esigenze dei clienti. A seconda della configurazione scelta cambiano anche i tappetini, la consolle centrale e l’illuminazione ambientale. Inoltre gli allestimenti Lodge ed ecoSuite sono quelli maggiormente attenti all’ambiente: i rivestimenti dei sedili della Design Selection Lodge sono composti per il 40% da lana vergine certificata dalla Woolmark Company; il restante 60% è poliestere ottenuto dal riciclaggio di bottiglie di plastica. La pelle della Design Selection ecoSuite, invece, è prodotta senza l’utilizzo di agenti chimici ma con estratti naturali ottenuti dalle foglie di olivo.

BEN EQUIPAGGIATA

—  

Non ci sarà un vero e proprio allestimento base per la Enyaq, questo perché anche la “entry level” offre di serie di tutto e di più: il climatizzatore automatico bizona, il volante multi funzione, chiave keyless, il sistema SmartLink, i fari LED e l’opzione di ricarica rapida fino a 50 kW. Salendo di livello, per i modelli dotati delle maggiori autonomie, troviamo anche i sensori di parcheggio, telecamera per la retromarcia e volante riscaldato. Un equipaggiamento ricco e completo che rende Enyaq particolarmente interessante per chi cerca un auto, non solo ecologicamente corretta ma anche completa di ogni comfort.

ONLINE

—  

A bordo di Enyaq è presente una eSIM integrata che permette all’auto di essere sempre online e quindi di sfruttare tutte le funzioni dedicate alle auto alla spina, come la ricerca di una postazione di ricarica libera. Inoltre, sarà possibile ricevere aggiornamenti in tempo reale sul traffico e, tramite app, controllare da remoto lo stato di carica della batteria oppure avviare il climatizzatore prima di salire a bordo. Inoltre, sempre tramite app, sarà possibile parcheggiare in remoto con il sistema che memorizzerà le manovre più complesse, replicabili con un semplice tocco.

SIMPLY CLEVER

—  

Ma Skoda vuol dire anche “simply clever” quindi quello che ci aspettiamo sono una serie di scelte ingegnose e smart, per rendere la vita di bordo più comoda e pratica. Un esempio calzante di questa filosofia è la presenza di soluzioni come il maxi bracciolo centrale da 6,2 litri di capienza, e di un secondo vano sotto la consolle centrale da ben 11,4 litri. Non poteva poi mancare il porta ombrelli ricavato nella portiera e il raschietto del ghiaccio nascosto nel portellone posteriore. Enyaq iV è anche il primo modello Skoda dotato di head-up display con tecnologia di realtà aumentata, che suddivide le informazioni in due campi di visualizzazione. Vengono visualizzate, oltre alla velocità attuale e ai segnali stradali, anche informazioni dei sistemi di assistenza e indicazioni di navigazione. L’area di proiezione per la realtà aumentata è più grande e si trova più in alto sul parabrezza, nel campo visivo del conducente.

VASTA SCELTA

—  

Skoda Enyaq sarà disponibile con cinque livelli di potenza, tre diversi formati di batteria, tutte agli ioni di litio, e sarà possibile scegliere anche la trazione integrale. I modelli con motore singolo, avranno la sola trazione posteriore, quelli più potenti avranno un secondo motore elettrico collegato all’asse anteriore, che darà trazione anche a quell’asse. Si chiama Enyaq iV 50 la motorizzazione d’ingresso, con una batteria da 55 kWh e potenza di 148 Cv ed una autonomia di 340 km. Salendo troviamo La Enyaq iV 60 da 179 Cv e batteria da 62 kWh, con un’autonomia che arriva a 390 km. Enyaq 80 ha invece una potenza di 204 Cv e una batteria da 82 kWh, per 510 km di autonomia. Le versioni più potenti sono la 80x e la RS a trazione integrale, che utilizzano la stessa batteria da 82 kWh e potenze massime rispettivamente di 265 Cv e 306 Cv, con un’autonomia di 460 km.

POMPA DI CALORE

—  

Nell’elenco degli optional figura anche una pompa di calore per il riscaldamento e la climatizzazione dell’abitacolo. Un sistema ad alta efficienza che comprime il fluido refrigerante ad alta pressione, producendo così energia termica che viene sfruttata per riscaldare l’aria fredda che scorre nel sistema. In questo modo si consumano dai 3 ai 4 kWh/100 km in meno di energia della batteria per il riscaldamento ad alto voltaggio; questo significa che in inverno, a temperature fino a -25 °C, è possibile guadagnare fino al 30% di autonomia in più rispetto allo stesso modello privo di pompa di calore.

RICARICA

—  

Per ricaricare la batteria in modo semplice, Skoda ha pensato al MySkoda Powerpass: con un’unica carta sarà possibile caricare la batteria presso la maggior parte delle colonnine a livello europeo. Le diverse batterie possono essere ricaricate in tre modi diversi: la prima è quella con la tradizionale presa domestica a 230 V, con corrente alternata a 2,3 kW. A questa si aggiunge la possibilità di sfruttare una wallbox con potenza fino a 11 kW, che permette di ricaricare l’auto in 6/8 ore, a seconda della capacità della batteria. Da ultimo, si possono utilizzare le colonnine di ricarica rapida in corrente continua da 125 kW, capaci di ricaricare gli accumulatori dal 10% all’80% in 40 minuti.

SICURA

—  

Essendo l’ultima nata non poteva che vantare una ricca dotazione di sicurezza attiva alla guida. Il sistema di Collision Avoidance, per esempio, aiuta il conducente in caso di collisione imminente con un pedone, un ciclista o un altro veicolo, rafforzando attivamente il momento sterzante, per evitare l’impatto grazie a una manovra di sterzo controllata. Durante la svolta a sinistra agli incroci, il Turn Assist rileva tempestivamente i veicoli provenienti in senso contrario, avvertendo il conducente e frenando automaticamente la vettura se necessario. Il sistema Exit Warning emette, invece, un segnale acustico e uno luminoso sul lato interno della calotta degli specchietti retrovisori, nel caso in cui un veicolo o un ciclista si stia avvicinando da dietro quando si sta per aprire la porta dell’auto. Non mancano ovviamente l’Adaptive Cruise Control, l’Adaptive Lane Assistant con rilevamento dei cantieri, il Traffic Jam Assist ed Emergency Assist. A un livello di configurazione più avanzato, il Travel Assist può addirittura occuparsi dello sterzo negli spazi ristretti della città, attingendo alle informazioni attraverso flussi di dati online. L’Adaptive Cruise Control, che nella versione predittiva utilizza anche i dati del sistema di navigazione e i segnali stradali, in futuro sarà anche in grado di reagire agli ostacoli segnalati attraverso i dati di traffico in rete.

PREZZO

—  

Il prezzo di partenza è di circa 35.000 euro per la versione Enyaq 50 iV con batteria da 55 kWh, per arrivare a circa 46.000 euro della Enyaq 80 iV con batteria da 82 kWh. Serviranno oltre 50.000 euro per la versione limitata, in soli 1895 esemplari, la Founders Edition che avrà di serie la Crystal.

Related posts

Lascia un commento