M5s, due senatori positivi al Covid. Tampone per tutti i membri del gruppo. Si fermano i lavori del Senato


E’ allarme fra i parlamentari grillini e a Palazzo Madama dopo che due senatori del M5s – il siciliano Francesco Mollame e il romagnolo Marco Croatti – sono risultati positivi al Covid.

Annullate tutte le riunioni di commissione, si sta procedendo alla sanificazione dei locali. La struttura medica del Senato ha disposto l’esecuzione dei tamponi su tutti i parlamentari cinquestelle e sui componenti della commissione Industria, di cui fa parte uno dei senatori contagiati, Croatti. Test anti-Covid anche per i funzionari del gruppo di M5S.

A rischio, se le commissioni non potranno riunirsi, anche la ripresa dei lavori d’aula, lunedì prossimo, con l’esame de Dl agosto. Uno dei due rami del Parlamento, in pratica, è bloccato a causa del virus.

Uno dei due senatori contagiati, Croatti, è stato a Palazzo Madama nei giorni scorsi e ha partecipato all’assemblea congiunta dei gruppi giovedì 24 settembre, convocata nel palazzo dei gruppi di Montecitorio per un primo confronto sul percorso che porterà il Movimento agli Stati generali. Croatti precisa su Facebook che in quell’occasione ha tenuto la mascherina sul volto ed è stato a distanza dagli altri parlamentari.



Politica

Referendum, M5S, Crimi ad assemblea: “Capo politico, organo collegiale o Stati generali subito”

Croatti avrebbe contratto il virus a causa del contatto con l’altro positivo, il siciliano Francesco Mollame che Repubblica ha intervistato. Mollame non va al Senato dal 10 settembre ma il 18 settembre, quando non aveva sintomi rilevanti, ha  partecipato ad alcuni incontri elettorali in Romagna con Croatti: assieme a loro c’era pure il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, che ha fatto il tampone ed è risultato negativo.



Politica

M5s, il senatore Francesco Mollame positivo al Covid: “Quindici giorni fa i primi sintomi. Ho fatto incontri elettorali in Romagna con l’altro collega”

I due positivi sono a casa in isolamento e sono sintomatici. La preoccupazione fra i senatori è alta, anche per il diffondersi di notizie, non confermate, su possibili altri casi di Covid in Parlamento.

Related posts

Lascia un commento