Superbike, Gp Spagna: prima vittoria in carriera per Redding



JEREZ DE LA FRONTERA – Dopo aver ottenuto la sua prima Superpole, Scott Redding ha anche vinto Gara 1 del Gran Premio di Spagna, prima gara del Mondiale Superbike dopo la lunga pausa per il Covid-19. Il pilota del team ARUBA.IT Racing – Ducati ha battuto, sul circuito “Angel Nieto” di Jerez, pari a 88,460 km, il campione del mondo Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), che ha chiuso davanti a Razgatlioglu e all’altra Ducati ufficiale di Chaz Davies.

Melandri ottavo, problemi per Sykes

Loris Baz (Ten Kate Racing Yamaha) termina quinto ed è il migliore dei piloti indipendenti dopo aver fatto parte del quartetto di testa per molti giri prima di essere scavalcato da Davies. Michael Ruben Rinaldi (Team GOELEVEN) conferma di trovarsi in un ottimo stato di forma e scattato dalla decima casella arriva sesto sulla linea del traguardo. Per Alvaro Bautista (Team HRC) un deludente settimo posto, staccato di quattro secondi da Rinaldi davanti di 8 secondi sul rientrante Marco Melandri (Barni Racing), bravissimo a recuperare ben 11 posizioni. Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) si trovava nel gruppo di testa quando arrivando alla curva 1 è stato vittima di un problema tecnico che ha comportato la sua uscita di scena. Nonostante questo problema è riuscito ad arrivare ai box rientrando poi in pista nel corso del 12° giro. Non solo Sykes è stato vittima di problemi dato che Michael van der Mark (PATA YAMAHA WorldSBK Official Team) si è dovuto ritirare all’ottavo giro a causa del tanto fumo che usciva dalla sua moto mentre si trovava tra i primi dieci.

L’ordine d’arrivo
Questo l’ordine d’arrivo della prima gara in Spagna:

1. Scott Redding (GBR) Ducati in 33’58″961
2. Jonathan Rea (GBR) Kawasaki +1″147
3. Toprak Razgatlioglu (TUR) Yamaha +2″252
4. Chaz Davies (GBR) Ducati +2″699
5. Loris Baz (FRA) Yamaha +3″301
6. Michael Rinaldi (ITA) Ducati +6″367
7. Alvaro Bautista (ESP) Honda +10″228
8. Marco Melandri (ITA) Ducati +18″713
9. Alex Lowes (GBR) Kawasaki +20″421
10. Leon Haslam (GBR) Honda +24″361


<!–
#subscription-message { background-color:#f1f1f1; padding:48px 16px; display:block; margin:32px 0 16px; border-top:2px solid #f3bb02; border-bottom:2px solid #f3bb02; position:relative;}
#subscription-message p{ font-family:georgia; font-style: italic; font-size:24px; line-height:30px; color:#3c3c3c; margin-bottom:8px;}
.subscription-message_author {font-family:lato; text-transform: uppercase; font-size:14px; text-align:right; display:block; margin-bottom:32px; margin-right:16px; font-weight: bold;}
#subscription-message a{ display:block; width:210px; padding:8px; color:#fff; border-bottom:none; background-color:#e84142; text-align:center; margin:0 auto;border-radius: 3px; font-family:lato,sans-serif; font-size:17px; line-height:24px;-webkit-box-shadow: 0px 0px 20px 0px rgba(0,0,0,0.6);-moz-box-shadow: 0px 0px 20px 0px rgba(0,0,0,0.6);box-shadow: 0px 0px 20px 0px rgba(0,0,0,0.6);}
#subscription-message a:hover{background-color:#db1b1c; border-bottom:none; -webkit-box-shadow: 0px 0px 0px 0px rgba(0,0,0,0.6); -moz-box-shadow: 0px 0px 0px 0px rgba(0,0,0,0.6); box-shadow: 0px 0px 0px 0px rgba(0,0,0,0.6);}

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica

–>

<!–

–>

superbike

Related posts

Lascia un commento