Nascar, il virus cambia la storia: prima volta sul Road Course a Daytona


La gara del 16 agosto spostata da Watkins Glen alla Florida per le restrizioni sanitarie dello Stato di New York: ma a Daytona non si correrà sul consueto ovale bensì sul tracciato interno, “regno” della Imsa

Il coronavirus non dà tregua alla Nascar, che comunque è stato il primo campionato motoristico a ripartire dopo il lockdown. Adesso però la popolare formula americana deve fare i conti con la nuova emergenza che sta colpendo l’America. La corsa del 16 agosto sul circuito di Watkins Glen sarà trasferita a Daytona a causa delle restrizioni sanitarie decise dallo Stato di New York. Ma il fatto storico è che per la prima volta una gara Nascar si terrà sul Road Course del celebre autodromo della Florida, solitamente usato per le gare della Formula Imsa.

fatto storico

—  

La gara non si potrà tenere a Watkins Glen perché le autorità statali hanno imposto una quarantena a chiunque entri nello Stato di New York. Il fatto esclude a priori che la gara Nascar del 16 agosto si possa tenere nella sede originaria. “Un fatto senza precedenti nella storia del Circuito di Watkins Glen”, ha detto Michael Printup, presidente del circuito. “La pandemia che stiamo affrontando ha un impatto inimmaginabile sulla nostra vita quotidiana”, ha proseguito. Così la Nascar correrà a Daytona due volte nel giro di due settimane, perché resta confermato l’appuntamento del 29 agosto sul celebre ovale. Non è ancora esclusa la presenza del pubblico, sebbene in numero ridotto, come potrebbe accadere anche per altri appuntamenti della Nascar.

Related posts

Lascia un commento