Skf fa shopping in Italia, per ora nessun impatto dal coronavirus


«La scelta di Skf è stata di acquisire tecnologia innovativa per rendere più sostenibile e circolare la nostra produzione». Ezio Miglietta, amministratore delegato di Skf Industrie, consociata italiana della multinazionale svedese, spiega così l’acquisizione per 15 milioni di euro di Kami e del ramo d’azienda di Cmsp specializzata nella progettazione e costruzione di macchine per stampaggio con «una tecnologia non facilmente replicabile». L’azienda, dunque riporta all’interno dell’azienda una parte delle forniture «per rafforzare le sinergie per il mercato automotive e industrial. Dal nostro punto di vista è una scelta strategica». Le sinergie, infatti, dovrebbero permettere di realizzare i risparmi in prospettiva di un 2020 caratterizzato dall’incertezza legata anche all’emergenza sanitaria del coronavirus. «Ad oggi –  spiega Miglietta – non c’è stata alcuna cancellazione di ordini, ma è molto difficile fare previsioni, dobbiamo capire quale sarà l’impatto sui nostri clienti».

Il gruppo Skf in Cina ha undici stabilimenti con 6.000 dipendenti e «nessuno è stato colpito dal virus, due stabilimenti sono ripartiti ieri, c’è una lenta ripresa dell’attività mentre una parte degli uffici è ancora chiusa e si lavora da casa». 

Insomma «navighiamo a vista» e l’incertezza in qualche modo condiziona le prospettive di ripresa dell’economia globale e dunque anche di Skf Industrie che ha chiuso i conti del 2019 superando il miliardo di fatturato con un calo del 3% sul 2018 legato soprattutto alle difficoltà dell’auto. Secondo Miglietta «i risultati sono migliori di quanto ci aspettassimo. L’aerospazio ha in parte compensato il calo dell’automotive». Nel 2019 Skf ha effettuato investimenti significativi non solo nelle acquisizioni ma anche in tecnologie innovative, digitalizzazione, ricerca e industria 4.0 che «continueranno anche nel 2020». 

!function(f,b,e,v,n,t,s)
{if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod?
n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};
if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′;
n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0;
t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];
s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’,
‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’);

fbq(‘init’, ‘1990342634566805’);
fbq(‘track’, ‘PageView’);

fbq(‘track’, ‘ViewContent’);

Related posts

Lascia un commento