meno entrate da plastic e sugar, aumenta la tassa sulla fortuna – Repubblica.it


ROMA – Una giornata di attesa, il richiamo dei presidenti della Camera e del Senato per i ritardi del governo, poi a tarda sera gli emendamenti alla manovra. A partire da 331 milioni in meno per plastic e sugar Tax e più tasse su chi gioca. Ma la decisione del governo di limitare l’esame della Camera a un semplice passaggio formale della Finanziaria che l’aula del Senato approverà venerdì prossimo, non è piaciuta alle presidenze delle assemblee di Montecitorio e Palazzo Madama: Fico e Casellati hanno espresso preoccupazione per un esame “compresso” della legge di Bilancio.
 

Le modifiche del governo costano 1,1 miliardi

Dopo lo scontro della scorsa settimana tra Pd e renziani su plastic tax e sugar tax, ieri sera sono arrivate le tanto attese cifre. Le modifiche del governo al ddl bilancio “costano” 1,1 miliardi di euro. La Robin tax limitata alle concessionarie del trasporti – cioè l’incremento di 3,5 punti percentuali della tassazione sui redditi di impresa (Ires) limitato solo a queste aziende – farà incassare 455 milioni in meno rispetto alla versione originaria del provvedimento, a cui si aggiungono 331 milioni di minori entrate dovute alla riformulazione della sugar e plastic tax. Il sub emendamento al ddl bilancio, presentato dal governo in commissione Bilancio al Senato, sarà finanziato, per circa un terzo delle risorse, attraverso l’aumento della tassazione sui giochi, a cui si aggiungono altri 500 milioni che provengono dal Fondo per le esigenze indifferibili (295 mln) e dal Fondo per interventi strutturali di politica economica (213 mln).
 

Plastic tax, escluso Tetrapak

Plastic tax a 50 centesimi al chilo e prodotti monouso in tetrapak esentati dall’imposta. Secondo le stime contenute nelle tabelle allegate, lo slittamento al 1 luglio del prossimo anno della plastic tax comporta una riduzione di 156,3 mln di incasso previsto.

Sugar tax

Con lo slittamento della sugar tax al primo ottobre 2020 si stima un minor gettito di 175 milioni nel 2020. La tassa sulle bevande zuccherate è di l0 euro a ettolitro.

Robin Tax

Come detto, sale al 3,5% la Robin tax con platea ridotta per tre anni ai concessionari autostradali, portuali, aeroportuali e ferroviarie. Il minor gettito stimato, rispetto alla versione originale della misura che prevedeva l’applicazione della maggiorazione a tutti i concessionari, è di circa 455 milioni di euro. Per quanto riguarda invece Industria 4.0, le modifiche del governo trasformano gli incentivi per le imprese che investono in beni strumentali nuovi da un ammortamento ampliato a un credito d’imposta.

Accise autotrasporto

Salgono ancora le accise sui carburanti: l’incremento è pari a 303 milioni nel 2021, 651 milioni nel 2022 e 132 milioni nel 2023. Cresce così la portata della clausola di salvaguardia inserita in manovra. Se non sarà disinnescata, porterà ad aumenti delle accise sulla benzina da 1,221 miliardi nel 2021, 1,683 miliardi nel 2022 e 1,954 miliardi nel 2023.

Più fondi al 5 per mille

Incrementati i fondi per il 5 per mille: 20 milioni nel 2021 e 25 milioni di euro annui a decorrere dal 2022. Le risorse per la liquidazione della quota del cinque per mille vengono rideterminate in 510 milioni di euro per il 2020, 520 milioni di euro per l’anno 2021 e 525 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022.

Bonus facciate

Esteso il bonus facciate alle società e integrato con gli interventi di risparmio energetico, ma ne limita l’ambito territoriale di applicazione. Esclusi, infatti, gli edifici presenti nella aree agricole e insediamenti industriali ma potranno usufruire del beneficio (con una detrazione al 50% invece che al 90%) chi ha un reddito di impresa.

Tassa sulla fortuna

Sale ancora la cosiddetta “tassa sulla fortuna”. Sul gioco, il subemendamento del governo interviene su vari capitoli. Secondo quanto si legge nella relazione tecnica alle modifiche, si ri-sistema tutta la materia toccata sia dal decreto Fisco che dalla vera e propria legge di Bilancio. I primi aspetti riguardano il prelievo unico che si effettua sulle “macchinette” (le Awp e le videolotterie): l’incremento (con conseguente riduzione della percentuale di somme giocate destinate alle vincite) dovrebbe portare in dote circa 650 milioni per ciascun anno del triennio. Si riscrivono poi i prelievi sulle vincite. Sempre per le Vlt, la soglia scende da 500 a 200 euro e contemporaneamente l’aliquota sale dal 12 al 20 per cento. Per le lotterie istantanee – come i Gratta e Vinci – e i giochi numerici a totalizzatore la soglia indicata è invece a 500 euro e l’aliquota al 20 per cento. Da questi secondi interventi si aspetta un gettito da oltre 470 milioni.

Detrazione spese sanitarie

Tutte le spese sanitarie saranno interamente detraibili, e lo sconto non si ridurrà in base al reddito. Lo prevede il subemendamento che recepisce l’intesa della maggioranza sulla manovra depositato in commissione Bilancio al Senato. La manovra introduce due scaglioni oltre i quali le detrazioni prima si riducono (tra 120mila e 240mila euro) e poi sono eliminate (oltre i 240mila euro). Nel testo base erano escluse solo gli interessi sui mutui e le spese sanitarie legate a gravi patologie.

Prepensionamento giornalisti

Arrivano risorse per sostenere l’accesso anticipato alla pensione per i giornalisti professionisti iscritti all’Inpgi. Un emendamento presentato dai relatori alla manovra stanzia 7 milioni nel 2020 e 3 mln l’anno dal 2021 al 2027. Nell’ambito di piani di ristrutturazione aziendale presentati dopo il 31 dicembre 2019, viene prevista un’assunzione a tempo indeterminato ogni due prepensionamenti, di giovani sotto i 35 anni di età o di giornalisti che già collaborino con lo stesso gruppo. Il finanziamento viene revocato se un lavoratore che ha optato per il prepensionamento collabora con lo stesso datore di lavoro o con un’altra testata del medesimo gruppo editoriale.
Dal 2020 al 2023 vengono stanziate inoltre risorse per il pensionamento dei poligrafici con almeno 35 anni di contributi. Sono coinvolte le aziende che presentino tra l’1 gennaio 2020 e 31 dicembre 2023 piani di riorganizzazione o ristrutturazione. Il limite di spesa è 6,1 milioni nel 2020, 10,2 mln nel 2021, 11,7 mln nel 2022, 12,5 mln nel 2023, 11,6 mln nel 2024, 7,6 mln nel 2025, 4,4 mln nel 2026 e 0,3 mln nel 2027.

Fondo famiglie vittime infortuni sul lavoro

Aumenta di 1 milione di euro per il 2020, di 2 milioni nel 2021 e di 3 milioni nel 2022 il fondo di sostegno alle famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro. È quanto prevede uno degli emendamenti dei relatori alla manovra, inserito nel secondo pacchetto depositato in commissione Bilancio al Senato.

Sviluppo Fincantieri a Sestri Ponente

“Come promesso è stato approvato oggi l’emendamento del Governo che autorizza la spesa complessiva di 480 milioni tra il 2020 e il 2024 per il ribaltamento a mare di Fincantieri” ha dichiarato il sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti Roberto Traversi. Il cosiddetto ribaltamento a mare dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente (Genova) non è altro che lo sviluppo del cantiere che permette di non avere più la ferrovia che taglia a metà il cantiere e garantisce più spazi a mare per poter avere un bacino più grandi per poter costruire le navi da crociera di ultima generazione che hanno dimensioni maggiori.

Monopattini e bici

I monopattini elettrici, a potenza limitata, sono equiparati alle biciclette e potranno circolare, rispettando il Codice della Strada. Lo prevede un emendamento alla manovra di Italia Viva, approvato dalla commissione Bilancio del Senato. L’obiettivo, viene spiegato, era quello in primis di superare il problema delle multe.

Completamento della carta geologica Italia

Contributo di 15 mln di euro in tre anni dal 2020 al 2022, per il completamento della carta geologica ufficiale dell’Italia in scala 1:50.000. E’ quanto ha stabilito la commissione Bilancio del Senato che ha approvato all’unanimità un emendamento alla manovra. La modifica è stata dedicata alla memoria del senatore del Movimento 5 stelle, Franco Ortolani, recentemente scomparso.

Fondi per borse studio Università

Raddoppiano i fondi per le borse di studio per l’università. La commissione Bilancio del Senato ha approvato alcuni emendamenti riformulati, sottoscritti da tutta la maggioranza, che porta da 16 a 31 milioni il finanziamento aggiuntivo nel 2020 per promuovere il diritto allo studio universitario.

Proroga contratti Lsu Calabria

Prorogati al 31 dicembre 2020 i contratti a tempo determinato dei lavoratori socialmente utili della Calabria. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio del Senato. Per la norma sono stanziati 30 milioni di euro.

Corsi contro bullismo per i prof

Per potenziare la qualificazione dei docenti nel contrasto dei fenomeni del bullismo, del cyberbullismo e delle discriminazioni di genere, in manovra vengono stanziati un milione di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022.

Bollette pazze, rimborso con bonus

Chi riceva bollette “pazze” per la fornitura di energia elettrica, gas, acqua, servizi telefonici, televisivi e internet, “oltre al rimborso delle somme eventualmente versate” e non dovute, ha diritto a ricevere anche una somma “pari al 10% dell’ammontare contestato e non dovuto e, comunque, per un importo non inferiore a 100 euro”. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio al Senato. Il rimborso può avvenire o con lo “storno nelle fatturazioni successive” o con “un apposito versamento”.

Sale la quota rosa nei consigli delle quotate

Tra le modifiche della commissione, anche il via libera all’emendamento trasversale a prima firma Donatella Conzatti (Iv) che, oltre a prevedere una proroga, innalza dal 30% al 40% la cosiddetta “quota rosa” nei cda delle società quotate.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA

Argomenti:
manovra
finanziaria
governo
plastic tax
sugar tax
tassa sui giochi

Related posts

Lascia un commento