“Verre non serve alla Fiorentina. Ribery poteva andare in posti esotici, ma è di un’altra pasta”


Luca Toni, grande ex viola, ha rilasciato una intervista prima della gara contro il Verona

Luca Toni, storico ex viola, ha rilasciato una intervista a L’Arena in vista della gara di domenica tra Fiorentina e Verona:

Verre? Sinceramente penso che la Fiorentina abbia bisogno di tutto, tranne che di un’altra mezza punta o fantasisti. Hanno solo giocatori portati a far benissimo dalla trequarti in su. A me hanno parlato molto bene di Vlahovic, ma Montella preferisce giocare con due punte che non sono veri attaccanti come Chiesa e Franck (Ribery). Lo ribadisco forse perché ho fatto il centravanti ma sono sempre per avere un goleador in squadra. È chiaro che poi ci sono giocatori importanti come Castrovilli e tanti altri. Per questo vedo difficile l’arrivo di Verre

Ribery? Franck, nonostante ci si veda poco, è un amico con cui mi sono sempre sentito. Quando ero all’Hellas andavo spesso al Bayern e ci vedevamo a Monaco. Sapevo che lui aveva voglia di far bene e per me la Fiorentina era il club ideale. Poteva andare in luoghi esotici a guadagnare anche di più ma Ribery è di un’altra pasta. Al di là delle sue giocate è un punto di riferimento all’interno dello spogliatoio dei viola.

Tifosi? Sai ormai i tifosi del Verona sono marchiati. In Italia va così. La curva gialloblù non mi sembra razzista e in città vedo gente di tutte le culture e religioni perfettamente integrate. Nell’era dei social bastano cinque o sei imbecilli che rovinano tutto. Gli andassero a prendere con i filmati. A Verona si vive bene. A me, nonostante avessi vinto un mondiale, mi hanno sempre offeso ovunque in Italia. Credo più per paura che segnassi, non per altro. Però nel 2019 ragazzi smettiamola, dai.

Sei partite al panettone. Montella, Commisso e la Coppa Italia: le tappe del prossimo mese



Related posts

Lascia un commento