Belotti grandi numeri: 17 gol in 113 giorni. Ora l’Inter – La Gazzetta dello Sport


Inizio di stagione travolgente per il Gallo tra club e Nazionale. E oggi ritrova Mazzarri insieme a Sirigu e Izzo

Oggi riabbraccia il suo Toro, e metterà nel mirino subito l’Inter di Antonio Conte. E’ stato un avvio di stagione travolgente per Andrea Belotti, il capitano del Toro di Mazzarri affamato di punti e voglioso di fare lo scherzetto sabato sera ai nerazzurri nell’anticipo di campionato. Da oggi il Toro serra i ranghi: oltre a Belotti, rientrano al Filadelfia anche gli azzurri Sirigu e Izzo. Baselli è sulla via del recupero, attesi anche Aina e Lukic. Giovedì tornerà pure Rincon dal Giappone dove il Venezuela è stato impegnato in amichevole.

Si parte dall’uno a zero

—  

La copertina è però tutta del Gallo. Perché un inizio di stagione così non lo aveva mai vissuto finora in carriera: nei primi 113 giorni di questa stagione – che per il Toro è iniziata il 25 luglio contro il Debrecen – Belotti ha già segnato diciassette gol. Tredici con il Toro (6 nei preliminari di Europa League, 7 in campionato), 4 in Nazionale (l’ultimo alla Bosnia). Mettendo insieme gli impegni con il club e quelli con la Nazionale, il Gallo ha così realizzato 17 gol in 21 partite, stabilendo finora una media di 0,8 a partita. In pratica, con lui in campo è come se si partisse sempre dall’uno a zero.

Attesa per Lyanco

—  

Belotti è carico a molla, il gruppo ha una voglia matta di confermare gli ottimi segnali lanciati prima della sosta nel derby e nella trasferta di Brescia. Da oggi Mazzarri comincerà una full immersion con vista sull’Inter: il rientro di gran parte dei giocatori impegnati con le nazionali permetterà a Walter di poter analizzare per la prima volta la prestazione di Brescia e di approfondire i temi di Torino-Inter. C’è, intanto, una certa apprensione per i risultati della risonanza magnetica alla quale sarà sottoposto in giornata, a Torino, Lyanco: il difensore brasiliano si è infortunato alla caviglia destra in Brasile-Argentina Under 23, finale del torneo di Tenerife, e da oggi è affidato alle cure dello staff medico granata coordinato dall’esperto dottore Rudy Tavana. Bisognerà appurare se si tratta di una distorsione semplice o se invece sono coinvolti anche i legamenti del ginocchio.

Related posts

Lascia un commento